Dai vita alla tua vacanza!

Ottenere un visto per la Francia

Schede pratiche

Le vacanze sono alle porte e la Francia è una meta molto ambita. Richiesta di visti, documenti da fornire... non è sempre facile superare le barriere burocratiche. Ecco alcune informazioni pratiche per completare le modalità di ingresso nel territorio francese. Dopo di che, non rimane altro che godersi le vacanze!

Ottenere un visto per la Francia

Un visto è necessario?

  • Alcuni viaggiatori non hanno bisogno di passaporto per viaggiare in Francia: per esempio i cittadini di un Paese membro dell'Unione Europea, dello Spazio Economico Europeo, della Svizzera, o se si è un membro della famiglia di un cittadino di un Paese membro dell'UE, del SEE o della Svizzera. Questo vale per soggiorni di qualsiasi durata.
  • Altre persone sono dispensate da documenti giustificativi al loro arrivo in Francia secondo alcune condizioni: se si possiede un titolo di soggiorno in Francia, se si è cittadini dell'UE, del SEE, della Svizzera, di Andorra o di Monaco. Sono inoltre dispensati dal documento di soggiorno le persone che hanno nel loro passaporto la menzione “FAMIGLIA DI FRANCESI”, “FAMIGLIA UE”, “VISTO DI CIRCOLAZIONE” o ancora “CARTA DI SOGGIORNO DA RICHIEDERE IN FRANCIA”.
  • Negli altri casi, è necessario fare domanda di visto se si desidera fare un soggiorno in Francia. La domanda va presentata all'ambasciata o al consolato francesi nel proprio paese di origine.

Completare le formalità

  • Alcune formalità relative alla richiesta di un passaporto, possono talvolta essere affidate a operatori locali di servizi o ad un'agenzia di viaggio. Informarsi presso gli operatori coinvolti, perché possono esserci spese supplementari.
  • Per soggiorni inferiori o pari a 90 giorni, è necessario fare domanda di un visto di soggiorno breve. chiamato anche visto Schengen, che dà accesso a tutto lo spazio Schengen per un tempo massimo di 90 giorni in un periodo di 180. Questi sono i visti solitamente forniti in occasione dei viaggi turistici o per visite familiari. E' anche possibile fare domanda di un visto Schengen per effettuare un transito in Francia.
  • Peri soggiorni superiori a 90 giorni, bisogna fare domanda di un visto di soggiorno lungo. In base alla durata o ai motivi di soggiorno in Francia, vi sarà rilasciato un visto adeguato alla situazione. Questi ultimi sono solitamente forniti per avvicinamenti familiari, studi o lavoro. E' importante sapere che questo tipo di visto obbliga i cittadini stranieri a farsi registrare all'Ufficio francese dell'immigrazione e integrazione, o in una prefettura, fin dal loro arrivo nel territorio francese.
  • Una volta sul territorio francese, è assolutamente impossibile effettuare modifiche di visto o cambiare di statuto. Se si desidera prolungare un soggiorno, è necessario fare una nuova domanda di visto.
  • Nel caso di partenza per i territori francesi d'oltremare, le modalità di ottenimento del visto possono essere differenti. Informarsi presso il consolato francese e precisare bene la destinazione oltre ai dettagli del viaggio.
  • Ricordare di fare delle foto tessera che rispettino le norme internazionali. La pratica di domanda prevede infatti una o più foto effettuate nei sei mesi precedenti. E' necessario rispettare anche altre regole affinché a domanda sia accettata dallo Stato francese: primo piano di viso e collo (ovvero 70 o 80 % della fotografia), larghezza e lunghezza della foto tra 4 e 5 cm, essere di fronte e guardare l'obiettivo, utilizzare uno sfondo chiaro e uniforme, non indossare cappelli o altri copricapo, essere l'unico soggetto della foto, posare con un'espressione neutra e a bocca chiusa, non indossare accessori che nascondono il viso.

L'arrivo nel territorio francese

  • Tutti i passeggeri che entrano nel territorio francese sono sottoposti alle regole di controllo all'arrivo. Queste condizioni non dipendono assolutamente dal tipo di visto ottenuto.
  • Un semplice visto non è sufficiente se si desidera passare attraverso i controllo all'arrivo in Francia o nello spazio Schengen in generale; ricordare di raccogliere tutti i documenti necessari al buono svolgimento del soggiorno. Oltre al visto, è necessario avere un passaporto riconosciuto dalle autorità francesi da meno di 10 anni e la cui validità deve essere superiore di 3 mesi alla data di scadenza del visto Schengen consegnato.
  • Anche se si è dotati di un visto rilasciato dalla Francia, è talvolta necessario fornire alla polizia alla frontiera dei documenti giustificativi relativi al soggiorno. Quindi ricordare di avere con sé i fogli che dimostrino il motivo del soggiorno, oltre a quanto giustifichi la vostra capacità di sopravvivenza, come denaro contante (preferibilmente in euro), assegni viaggio, una carta di credito ad uso internazionale... Questi documenti possono essere richiesti indipendentemente dal tipo di visto che possedete.
  • La polizia alla frontiere potrebbe anche chiedervi delle garanzie di rimpatrio, che devono giustificare il rimborso delle spese di ritorno nel paese di origine in caso di problema.
  • Durante un soggiorno turistico, è anche necessario munirsi di documenti che potrebbero rappresentare l'oggetto e le condizioni del soggiorno. Nel caso di visita familiare o privata, è importante essere in possesso di un giustificativo di alloggio, come ad esempio la prenotazione alberghiera.
  • Se si è di transito in un aeroporto francese, vi potrebbe essere chiesto un documento che giustifichi le condizioni di ingresso nel Paese di destinazione finale.
Ritorno alle schede pratiche
Le tue vacanze
Un hotel
Un affitto vacanze
Un bed & breakfast
Un campeggio
Un'attività di svago
Un ristorante
Un'auto a noleggio
Un biglietto aereo
A continuare la navigazione su questo sito, si accetta l'uso di cookies per fornire offerte adatte.
Per saperne di più e configurare