Dai vita alla tua vacanza!

Salins-les-Bains

Guida turismo, vacanze e weekend nel Giura

Salins-les-Bains - Guida turismo, vacanze e weekend nel Giura
7.6
22

Dominata dal profilo del forte di Belin, Salins-les-Bains è una graziosa e piacevole cittadina termale che gode di una bella cornice naturale.

Aperte alla visita, le antiche saline, classificate monumento storico, propongono la scoperta delle gallerie sotterranee risalenti al XIII secolo e del sistema di pompaggio idraulico ancora funzionante che permette di estrarre l'acqua salata.

Nel cuore della città, lo stabilimento termale propone cure mediche come pure uno spazio per rimettersi in forma.

Dalle alture circostanti, si gode di una vista splendida sui tetti della cittadina e sull'ambiente intatto.

Informazioni complementari
Salins-les-Bains

Salins-les-Bains è una città nella regione del Giura, in Borgogna, Franche-Comté, situato a circa 40 km a sud di Besançon.

La città si è sviluppata in un bacino sul fondo della valle del Furioso, un torrente affluente del Loue e della prosperità è stato forgiato in tempi antichi per la produzione di sale. A "oro bianco" che era anche la punta di diamante della città, vicino a Arc-et-Senans, nel Doubs, le due unità produttive sono collegati da un "saumoduc" lungo 21 km (linea di porta il acqua sale o in salamoia).

Nel XIX secolo vengono aggiunte unità industriali (cave di gesso, mulini, ceramiche) e nel 1854 un centro benessere è aperto, che a sua volta gestisce le acque minerali ricche della città. Ecco perché il nome stesso della città che ha preso la sua origine etimologica della parola "sale" è completata nel 1926 per diventare Salins-les-Bains.

La città che aveva fino a oltre 8000 nel 1800, però, sa che il XX secolo un vero e proprio declino: la soluzione salina chiuso nel 1962 e le fabbriche di terracotta abbandonare l'attività nel 1995.

Mentre la popolazione non è più solo di circa 3000 abitanti, la città si concentra su idroterapia e il turismo, che è legata al suo passato industriale o patrimonio naturale verdeggiante della regione.

Da vedere, da fare

Nessun passo o Salins-les-Bains di rimanere senza ovviamente iniziare con la visita della ex saline, vale a dire la fabbrica che ha operato la produzione di sale. Varie tecniche sono state utilizzate per secoli per ottenere il sale per evaporazione artificiale (invece di saline a cielo aperto, come nel mare, e il cui costo operativo più basso è dovuto alla salina Franca Contea).

Precedentemente occupando più di 15.000 mq nel centro della città, il sale è stato elencato nel 2009 come Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO, come unità industriale della prima originaria nel XIX. Ora rimane solo che alcuni degli edifici, tra cui un corpo di guardia, torri, una galleria sotterranea. La visita è guidata e ha diritto a un ingresso gratuito nel museo dedicato. Aperto tutto l'anno. Informazioni e prenotazioni +33 3 84 73 10 92. Prezzo: 7,50 e 4 euro (bambini, studenti).

Anche in termini di patrimonio architettonico, è necessario soffermarsi a City Hall (XVIII), in stile classico, ma che un tempo ospitava un tribunale.

Sul piano religioso, San Anatoile collegiata (XIII, gotica borgognona), con la sua facciata decorata con due finestre in stile fiammeggiante, la quercia scolpita porta e la torre difensiva è orientata ad essere visto come Notre Dame liberatore, costruita nel XVII dopo che la città è stata risparmiata dalla peste. La sua cupola con una torre lanterna è esemplare. All'interno, una statua della Madonna di piombo e di statue lignee policrome del XV rimangono.

Rientro al patrimonio civile, con il farmacista un diciassettesimo farmacia ancora arredato e dotato di elementi tecnici (ancora, vasi, strumenti chirurgici, terracotta...) e XVII ornamentali e XVIII. Republic Street, apprezziamo le molte dimore del XIX (dopo un cross dal fuoco nel 1825), in stile neo-classico, grigio pietra, che testimoniano la ricchezza della borghesia del tempo.

Anche in città, impossibile non notare i venti fontane comprovanti tutto ciò che la città ha da la sua acqua! Alcuni sono vere e proprie sculture, la più antica del XVI secolo.

tour guidati della città sono organizzati e opuscoli disponibili. Contatto +33 3 84 73 01 34.

Una vocazione militare, infine, il forte di Sant'Andrea, costruita nel decimo e poi rielaborato da Vauban, che sorge a 600 m e Fort Belin, risalente al XIX, ma essendo stata costruita sul sito di un castello medievale, un picco a 580 m sopra la città.

Questi due siti sono l'escursionismo obiettivi, come è il Monte Poupet, a 800 m sul livello del mare, ora popolare con parapendio. Molte viste linea il percorso fino ad esso.

In generale, 200 km di sentieri escursionistici e per mountain bike sono state costruite su Salins-les-Bains ei suoi dintorni. C'è anche una "via dei doganieri" (doganali) che collega la città di Arc-et-Senans. Tutte le informazioni +33 3 84 73 01 34.

Sempre all'aperto, imparare parapendio è possibile (anche per disabili). Contatto +33 6 32 90 84 91. E per i più piccoli, un parco freestyle offre sport e corsi ricreativi. Informazioni +33 9 73 12 26 18.

Ma non si tratta di lasciare senza Salins-les-Bains ammirare l'architettura del centro benessere (gestito dalla città), e anche di cogliere l'occasione per alcuni piccoli piaceri (jacuzzi...) o cura, non riuscendo a sottoporsi al trattamento lì a fini terapeutici. Informazioni +33 3 84 73 04 63.

Luoghi di interesse

Luoghi di svago
Monumenti
Punti informativi
Trasporti

Eventi e festività

Nel mese di maggio, l'Ascensione Giovedi a Domenica, dopo i quattro giorni di Salins combinare attività commerciali e spettacoli per tutte le età.

Nel mese di maggio sempre, le canzoni en Fête offre prestazioni canzone francese.

Si tratta di musica da camera, tuttavia, è sotto i riflettori nel mese di luglio, in occasione del Salines in Musica.

Nel mese di agosto, animazioni intorno la scienza e l'astronomia sono offerti con la testa tra le stelle.

Giorni del Libro, infine, sono organizzati nel mese di settembre e si incontrano molti autori venuti per incontrare il pubblico.

Su una nota diversa, il suolo della regione è sotto i riflettori giovedì e il sabato mattina al mercato in città.

Foto

Panorama da Fort Belin (© Jean Espirat)
Panorama da Fort Belin (© Jean Espirat)
Vedi la foto
Ex Chiesa dei Gesuiti (© JE)
Ex Chiesa dei Gesuiti (© JE)
Vedi la foto
Grotta artificiale, sormontata da un palco per l'orchestra (© JE)
Grotta artificiale, sormontata da un palco per l'orchestra (© JE)
Vedi la foto
Torre di Andelot e vecchio muro occidentale (© JE)
Torre di Andelot e vecchio muro occidentale (© JE)
Vedi la foto
La Furieuse, vista a valle dal ponte rue de la Mairie, a Bracon (© JE)
La Furieuse, vista a valle dal ponte rue de la Mairie, a Bracon (© JE)
Vedi la foto
Ex lavatoio coperto, rue Gabet (© JE)
Ex lavatoio coperto, rue Gabet (© JE)
Vedi la foto
Ex convento delle Orsoline (© JE)
Ex convento delle Orsoline (© JE)
Vedi la foto
Campanile della chiesa di Saint-Anatoile (© JE)
Campanile della chiesa di Saint-Anatoile (© JE)
Vedi la foto
Salins-les-Bains visto da Fort Saint-André
Salins-les-Bains visto da Fort Saint-André
Vedi la foto
Soluzione salina
Soluzione salina
Vedi la foto
Visita delle saline
Visita delle saline
Vedi la foto
Visita delle saline
Visita delle saline
Vedi la foto
Visita delle saline
Visita delle saline
Vedi la foto
Salins-les-Bains visto da Fort Belin
Salins-les-Bains visto da Fort Belin
Vedi la foto
Salins-les-Bains visto dal Mont Poupet
Salins-les-Bains visto dal Mont Poupet
Vedi la foto
Salins-les-Bains visto dal Mont Poupet
Salins-les-Bains visto dal Mont Poupet
Vedi la foto
Visita delle saline (© Jean Espirat)
Visita delle saline (© Jean Espirat)
Vedi la foto
Visita delle saline (© Jean Espirat)
Visita delle saline (© Jean Espirat)
Vedi la foto
Visita delle saline (© Jean Espirat)
Visita delle saline (© Jean Espirat)
Vedi la foto
Un'altra vista da Fort Belin (© Jean Espirat)
Un'altra vista da Fort Belin (© Jean Espirat)
Vedi la foto
Ex convento della Visitazione (© JE)
Ex convento della Visitazione (© JE)
Vedi la foto
Ex convento della Visitazione - Storico (© JE)
Ex convento della Visitazione - Storico (© JE)
Vedi la foto
Storia della Chiesa dei Gesuiti (© JE)
Storia della Chiesa dei Gesuiti (© JE)
Vedi la foto
Ex chiesa e convento dei gesuiti (© JE)
Ex chiesa e convento dei gesuiti (© JE)
Vedi la foto
Vecchia torre Oudin (© JE)
Vecchia torre Oudin (© JE)
Vedi la foto
Costruzione dell'ecomuseo della grande salina (© JE)
Costruzione dell'ecomuseo della grande salina (© JE)
Vedi la foto
Edificio delle terme (© JE)
Edificio delle terme (© JE)
Vedi la foto
Edificio delle terme (© JE)
Edificio delle terme (© JE)
Vedi la foto
Edificio principale della grande soluzione salina (© JE)
Edificio principale della grande soluzione salina (© JE)
Vedi la foto
Cresta sud-ovest del Mont Poupet (© JE)
Cresta sud-ovest del Mont Poupet (© JE)
Vedi la foto
Residenza tutelata - 73 rue de la République (© JE)
Residenza tutelata - 73 rue de la République (© JE)
Vedi la foto
Residenza protetta, a 75 rue de la République (© JE)
Residenza protetta, a 75 rue de la République (© JE)
Vedi la foto
Chiesa di Notre-Dame (© JE)
Chiesa di Notre-Dame (© JE)
Vedi la foto
Chiesa di San Giovanni Battista (© JE)
Chiesa di San Giovanni Battista (© JE)
Vedi la foto
Chiesa di San Maurizio (© JE)
Chiesa di San Maurizio (© JE)
Vedi la foto
Chiesa di San Maurizio (© JE)
Chiesa di San Maurizio (© JE)
Vedi la foto
Ingresso alle antiche terme delle piccole saline (© JE)
Ingresso alle antiche terme delle piccole saline (© JE)
Vedi la foto
Facciata est del municipio (© JE)
Facciata est del municipio (© JE)
Vedi la foto
Facciata ovest del municipio (© JE)
Facciata ovest del municipio (© JE)
Vedi la foto
Fontana del bacino ovale (© JE)
Fontana del bacino ovale (© JE)
Vedi la foto
Fontana del leone - Place Aubarède (© JE)
Fontana del leone - Place Aubarède (© JE)
Vedi la foto
Fontana del cigno (© JE)
Fontana del cigno (© JE)
Vedi la foto
Fontana del colonnello Pouchet (© JE)
Fontana del colonnello Pouchet (© JE)
Vedi la foto
Fontana del viticoltore (© JE)
Fontana del viticoltore (© JE)
Vedi la foto
Fontaine Truchot, piazza del municipio (© JE)
Fontaine Truchot, piazza del municipio (© JE)
Vedi la foto
Fort Belin, visto dal centro della città (© JE)
Fort Belin, visto dal centro della città (© JE)
Vedi la foto
Fort Saint-André, visto dal centro della città (© JE)
Fort Saint-André, visto dal centro della città (© JE)
Vedi la foto
Cancello d'ingresso al Forte Saint-André (© JE)
Cancello d'ingresso al Forte Saint-André (© JE)
Vedi la foto
Scavi archeologici sul sito del pozzo in Gray (© JE)
Scavi archeologici sul sito del pozzo in Gray (© JE)
Vedi la foto
Scavi archeologici sul pozzo in Gray (© JE)
Scavi archeologici sul pozzo in Gray (© JE)
Vedi la foto
Informazioni sugli scavi archeologici (© JE)
Informazioni sugli scavi archeologici (© JE)
Vedi la foto
Informazioni sul municipio e la fontana Truchot (© JE)
Informazioni sul municipio e la fontana Truchot (© JE)
Vedi la foto
Storia delle piccole saline e dell'idroterapia (© JE)
Storia delle piccole saline e dell'idroterapia (© JE)
Vedi la foto
Storia della chiesa di Notre-Dame (© JE)
Storia della chiesa di Notre-Dame (© JE)
Vedi la foto
Storia della chiesa di Saint-Maurice (© JE)
Storia della chiesa di Saint-Maurice (© JE)
Vedi la foto
Facciata del municipio (© JE)
Facciata del municipio (© JE)
Vedi la foto
La Furieuse, vista a monte del ponte, rue de la Mairie, a Bracon (© JE)
La Furieuse, vista a monte del ponte, rue de la Mairie, a Bracon (© JE)
Vedi la foto
La Furieuse, vista a valle dal ponte, rue Gabet (© JE)
La Furieuse, vista a valle dal ponte, rue Gabet (© JE)
Vedi la foto
Architrave, con iscrizione (© JE)
Architrave, con iscrizione (© JE)
Vedi la foto
Casa forte, al 79 rue de la République (© JE)
Casa forte, al 79 rue de la République (© JE)
Vedi la foto
Portici, rue de la Liberté (© JE)
Portici, rue de la Liberté (© JE)
Vedi la foto
Portale del vecchio hotel Marmet (© JE)
Portale del vecchio hotel Marmet (© JE)
Vedi la foto
Storia dell'hotel Marmet (© JE)
Storia dell'hotel Marmet (© JE)
Vedi la foto
Rue de la République, vista dalla sua estremità orientale (© JE)
Rue de la République, vista dalla sua estremità orientale (© JE)
Vedi la foto
Rue de la République (© JE)
Rue de la République (© JE)
Vedi la foto
Statuetta sull'architrave di una porta (© JE)
Statuetta sull'architrave di una porta (© JE)
Vedi la foto
Torre di Andelot (© JE)
Torre di Andelot (© JE)
Vedi la foto
Torre di Andelot (© JE)
Torre di Andelot (© JE)
Vedi la foto
Tour de Flore (© JE)
Tour de Flore (© JE)
Vedi la foto

Visite, svaghi e attività nei dintorni

A 48 km di distanza, distilleria Les Fils d'Emile Pernot a La Cluse-et-Mijoux: specialista francese dell'assenzio, la distilleria vi accoglie in un ambiente unico e vi invita a immergervi nel terroir dell'Haut-Doubs. Scopri l'assenzio e la sua storia in una visita guidata e continua la tua avventura scoprendo diversi sapori durante una degustazione gratuita dei prodotti.

Ristoranti

Bed & breakfast

Affitti vacanze

Campeggi

Hotel

Le tue vacanze
Un hotel
Un affitto vacanze
Un bed & breakfast
Un campeggio
Un'attività di svago
Un ristorante
Un'auto a noleggio
Un biglietto aereo
A continuare la navigazione su questo sito, si accetta l'uso di cookies per fornire offerte adatte.
Per saperne di più e configurare