Dai vita alla tua vacanza!

Gien

Guida turismo, vacanze e weekend nel Loiret

Gien - Guida turismo, vacanze e weekend nel Loiret
7.4
20

Affacciato maestosamente sulla Loira, il castello di mattoni e pietra di Gien ospita il Museo Internazionale della Caccia dove sono raccolte collezioni dedicate a questo sport e all'arte ispirata alla fauna: quadri, ceramiche, arazzi, trofei e bottoni a tema venatorio.

Famosa per la tradizione della maiolica, Gien propone al visitatore di scoprire anche il museo dedicato a questa pratica artigianale situato in un'antica cava, con una meravigliosa collezione di delicate maioliche e sede di mostre temporanee.

Informazioni complementari
Gien

Gien è un comune del Loiret, nella regione Centro-Valle della Loira.

Il suo vasto territorio di 67 km² appartiene alla regione naturale di Puisaye, ai confini di Orléanais, Nivernais e Borgogna, presentando paesaggi di foreste, stagni e valli umide e verdi.

La cittadina si è sviluppata ai margini della Loira che costituisce gran parte del suo confine, a sud, nord ed est essendo rimasta molto "rurale": terreni agricoli (46%) e boschi (35%) infatti coprono gran parte di Gien e Arrabloy (12 km²), il suo comune associato all'est dal 1972.

Sebbene i resti archeologici attestino un'occupazione dell'era gallo-romana, fu nell'VIII secolo che Carlo Magno autorizzò la costruzione di una motta fortificata che diede i natali alla futura città.

Nel XIII secolo, seguì la costruzione di un primo ponte sulla Loira, la costruzione di recinti e intorno al 1500, con la costruzione del suo castello in stile rinascimentale, Gien entrò a pieno titolo nella storia, diventando una città reale. Vi soggiornarono François Ier, Catherine de Médicis, Carlo IX o anche Luigi XIV e la sua corte.

Oggi, rinomata per il suo patrimonio, la sua industria (terracotta) ma anche la sua offerta di attività culturali e di svago "naturali", la città conta circa 15.000 abitanti ed è una tappa d'elezione prima di scoprire altri importanti siti della Valle della Loira.

Da vedere, da fare

Dominato dal Jardin des Boulards, dove si possono vedere i resti degli antichi bastioni medievali e i portici dell'Hôtel-Dieu del XIII secolo, il cuore storico della città fu duramente colpito dai bombardamenti tedeschi nel giugno 1940.

La sua ricostruzione iniziò con l'Occupazione con lo scopo di fare riferimento alle tradizioni architettoniche della regione creando un nuovo asse per accedere al ponte sulla Loira, una grande piazza che sostituisce i vicoli di un tempo.

Da parte sua, il castello è stato nel complesso risparmiato. Rimane quindi il monumento emblematico della città di Gien. La sua costruzione iniziò nel 1494 e fu completata nel 1500 per conto della figlia di Luigi XI, la reggente Anna di Francia (nota anche come Anne de Beaujeu). L'obiettivo era quello di dotare la città di una residenza prestigiosa al posto della fortezza medievale. L'obiettivo è stato raggiunto e oggi rappresenta un esempio di stile rinascimentale ancor prima che la Francia fosse "toccata" dagli influssi del Rinascimento italiano.

Con le sue decorazioni realizzate con mattoni policromi, il castello di Gien accolse numerosi sovrani come Enrico II o addirittura Luigi XIV che vi si stabilirono durante la Fronda.

Il sito fu acquistato nel 1823 dal Dipartimento e da allora ospitò la sottoprefettura, il tribunale e un carcere. Classificato Monumento Storico nell'elenco iniziale del 1840, la sua vocazione cambiò radicalmente dopo la seconda guerra mondiale quando vi fu creato un museo della caccia. Quest'ultimo, denominato "Musée de France", ha visto crescere le sue collezioni nel corso dei decenni e presenta così attraverso documenti, attrezzature e opere d'arte la storia della caccia, delle varie armi e tecniche ma anche della caccia nella zona. Inoltre, i visitatori possono anche sperimentare la bellezza del castello stesso. Percorsi divertenti per famiglie. Aperto tutto l'anno tranne il martedì, i giorni festivi e tutto gennaio. Prezzo: da 5 a 8 euro (supplemento per visite guidate). Informazioni allo +33 2 38 67 69 69.

Poi dirigetevi verso la vicina chiesa di Sainte-Jeanne d'Arc, che in origine era la chiesa del castello (allora in stile gotico fiammeggiante). Nel giugno 1940 furono distrutti la navata e il coro, conservando solo il campanile quattrocentesco. Ricostruito dal 1950 al 1954, l'edificio presenta paramenti decorativi in mattoni in armonia con il castello. All'interno si possono osservare capitelli in terracotta, vetrate di bella fattura che filtrano la luce per "giocare" con il colore dei mattoni, ed elementi decorativi in lastre di vetro.

Castello e chiesa sono accessibili da una scalinata appositamente dedicata a visitatori e turisti.

Oltre alla casa Alix (XV secolo), una delle rare residenze della città risparmiate dai bombardamenti e il cui pianterreno presenta ancora dei portici, l'altro punto di attrazione in termini di patrimonio è costituito delle rive della Loira: i ponti e le banchine. Tre ponti attraversano la Loira in città e permettono, secondo la tradizione, di "sbarcare" a Berry, sulla sponda opposta. Si tratta del ponte medievale ridisegnato nel 1734 e poi ristrutturato nel 1945, del ponte risalente al 1980 e del viadotto ferroviario.

Visite guidate della città e dei suoi elementi del patrimonio sono offerte durante tutto l'anno. Informazioni al +33 2 38 67 25 28.

Un'altra parte della storia locale ma che rimane sempre attiva e dinamica: l'industria della terracotta che si sviluppò in Gien dal 1821. Avendo avuto molto rapidamente successo internazionale grazie alle sue decorazioni dipinte a mano, fu messo in evidenza in particolare durante l'Esposizione Universale del 1889 per la quale furono prodotti pezzi monumentali, come il Vaso Pavone alto 3 m! Oggi parte dello strumento produttivo è stato modernizzato e le decorazioni più contemporanee si affiancano ai pezzi emblematici della vecchia manifattura. Un museo della terracotta è ospitato nella vecchia cantina della fabbrica dove veniva conservata la pasta. Scopriamo le tecniche di lavorazione ei pezzi che rappresentano l'evoluzione delle decorazioni dal 1821 ai giorni nostri. Aperto tutti i giorni tranne la domenica. Informazioni su +33 2 38 05 21 06.

Fuori città, l'area verde o addirittura boschiva del territorio e le rive della Loira offrono un grande potenziale per gli escursionisti. Possono cogliere l'occasione per apprezzare le aree naturali protette lungo il fiume o nei boschi. Grazie ai percorsi sviluppati lungo la Loira, Gien si trova sulla rotta Eurovélo 6 (nota come La Loire à Vélo), ovvero su un totale di 900 km di percorsi sicuri, ma anche sulla rotta Eurovélo 3 (nota come Scandibérique) che potenzialmente unisce la Spagna attraverso le rive del canale di Briare. Su Gien e la sua regione, è l'occasione per attraversare i vari paesaggi della Puisaye con i suoi stagni e boschi, e quelli della Loira selvaggia.

Aggiungiamo i percorsi segnalati su altri settori e il fascino del percorso turistico Jacques-Cœur e capiamo che, in bicicletta oa piedi, le possibilità non mancano! Mappe e informazioni su +33 2 38 67 25 28.

Sempre in termini di svago, i bordi della Loira possono anche deliziare i pescatori (contattare l'azienda locale allo +33 2 38 36 76 15).

Sul versante sportivo, lo stadio nautico con le sue piscine all'aperto in estate permette di conciliare relax e piacere del nuoto. Prezzo: 3,05 e 3,65 euro. Informazioni allo +33 2 38 67 69 54. È anche facile prenotare un campo da tennis (abbonarsi allo +33 6 45 81 77 89) o, in stagione, navigare nella Loira in canoa-kayak (informarsi allo +33 2 38 67 12 50). Infine viene allestito un campo da minigolf, sempre sulle rive del fiume. Contattare lo +33 2 38 67 23 74.

Per quanto riguarda le attività culturali del tempo libero, segnaliamo di concludere le attività programmate durante tutto l'anno dalla mediateca (incontri, conferenze, mostre: informazioni allo +33 2 38 05 19 51) e spettacoli e concerti ospitati presso il Centro Culturale (informarsi allo +33 2 38 05 19 05).

Luoghi di interesse

Luoghi di svago
Monumenti
Siti naturali
Trasporti

Eventi e festività

Foto

Il castello
Il castello
Vedi la foto
Ponte sulla Loira
Ponte sulla Loira
Vedi la foto
Quai de la Loire (© J.E)
Quai de la Loire (© J.E)
Vedi la foto
Il grande ponte sulla Loira (© J.E)
Il grande ponte sulla Loira (© J.E)
Vedi la foto
Fontana del municipio
Fontana del municipio
Vedi la foto
La città
La città
Vedi la foto
La città
La città
Vedi la foto
La città
La città
Vedi la foto
La città
La città
Vedi la foto
Il castello visto dal ponte (© J.E)
Il castello visto dal ponte (© J.E)
Vedi la foto
La città
La città
Vedi la foto
Il municipio
Il municipio
Vedi la foto
La città
La città
Vedi la foto
la chiesa
la chiesa
Vedi la foto
la chiesa
la chiesa
Vedi la foto
L'interno della chiesa
L'interno della chiesa
Vedi la foto
L'interno della chiesa
L'interno della chiesa
Vedi la foto

Visite, svaghi e attività nei dintorni

Ristoranti

Bed & breakfast

Affitti vacanze

Campeggi

Hotel

Le tue vacanze
Un hotel
Un affitto vacanze
Un bed & breakfast
Un campeggio
Un'attività di svago
Un ristorante
Un'auto a noleggio
Un biglietto aereo
A continuare la navigazione su questo sito, si accetta l'uso di cookies per fornire offerte adatte.
Per saperne di più e configurare