Dai vita alla tua vacanza!

La Barre Area Naturale Foresta

Escursioni e passeggiate a La Ferté-sous-Jouarre

La Barre Area Naturale Foresta - Escursioni e passeggiate a La Ferté-sous-Jouarre
7.9
10

Su una superficie di 33 ettari, La Barre superficie forestale naturale è un pendio boscoso che è stato utilizzato per le macine in pietra di cava. Un percorso didattico percorso seguente creatori macina ' offre escursionisti la possibilità di scoprire il sito da un punto di vista storico e ecologicial.

Scheda descrittiva

DipartimentoSenna e Marna
Comune di partenzaLa Ferté-sous-Jouarre
Tipo di passeggiataEscursione a piedi
DifficoltàFacile
Durata1h30
Periodo consigliatoda gennaio a dicembre
AmbienteCampagna
Chilometraggio4 km

Accesso

Da Place de l' Hôtel de Ville, prendere Rue Michel Fauvet. Allo stop, prendere Rue Duburcq Clément opposto. Seguire la linea ferroviaria al parcheggio.

Itinerario

Punto di partenza : ingresso meridionale - Rue Duburcq - Clément. Salite le scale di un segno " Sentiers des Meuliers ". Girare a sinistra e fatevi strada verso la scheda di informazioni " transporteur aérien ". Dietro di te, una piazza dove monolitico e " stile inglese " macine sono esposte. Continuare il percorso del segno " La Découverte ", sulla destra, un enorme roccia arenaria. Seguite il sentiero di " Colorado ". Girare a destra e proseguire a piedi giù per le scale di legno lungo ciclo del percorso. Girare a destra e proseguire fino a raggiungere le spiegazioni sul tema " l'eau et la boue ". Si prosegue lungo la strada sterrata fino a vedere il cartello " Sentier des Meuliers " di nuovo. Proseguire a piedi lungo al parcheggio.

Informazioni : i cani sono autorizzati al guinzaglio - Rimuovere i rifiuti - Campeggio e fuochi sono vietati.

Un ambiente naturale fragile e in continua evoluzione. Legno La Barre è caratterizzata da varietà di alberi che hanno colonizzato naturalmente questo ambiente trasformato dagli esseri umani durante il suo utilizzo per macine estrazione. Pertanto, alberi caratteristici di questi tipi di cambiamenti possono essere trovati lì, come robinia soprattutto nella parte settentrionale del bosco, e un paio di specie meno comuni, come il sambuco rosso. Nel resto del settore, vi è una vasta scelta di alberi con una forte presenza di rovere e rovere penduculate, così come frassino, ciliegio selvatico, tiglio, acero, carpino, nocciolo e, più saltuariamente, faggi e betulle. Vicino alle strade, la luce forte favorisce lo sviluppo di arbusti, come il biancospino, prugnolo, e mandrino europea. I boschi offrono 165 specie di piante e una vasta gamma di piante primaverili : campanule, celidonia minore, anemone giallo, legno anemone. Le sezioni di calce esposte della pendenza fornire una casa ai primi orchidee viola.

E ' anche possibile vedere i mammiferi lì, come caprioli, cinghiali, martore, e il tasso più discreto. Negli acquitrini, è anche possibile trovare una specie protetta in Francia : la salamandra fuoco. Il tasso vive in gruppi territoriali e tende ad essere notturno, non essendo molto ben adattati alla caccia la preda, si nutre di vermi, insetti, piante e, a volte, piccoli mammiferi. Le sue stampe, con un tacco di stampa chiara e cinque dita, è grande e si conclude con lunghi artigli. I loro sentieri sono più ampie di quelle della volpe e sono simili a sentieri che si irradiano intorno al set. Il set è generalmente utilizzato da generazione in generazione e viene spesso esteso ; sue voci possono essere riconosciuti dal volume di detriti circostante, spesso con diversi metri cubi di terra e pietre.

Diversità ecologica del legno offre anche piante che sono caratteristici delle zone umide : giunco ​​, carice, equiseto. Il progetto di realizzazione del sito avviata dal dipartimento ha offerto l' opportunità di ripristinare una serie di piccole paludi che forniscono una casa per salamandra. La salamandra pezzata misura 10 a 20 cm e ha grandi ghiandole velenifere, ed è nero lucido con macchie gialle. Si secerne un prodotto tossico che può causare eruzioni cutanee. La maggior parte del tempo, si può trovare nella foresta, nuota solo molto raramente, ma ha bisogno di zone umide, al fine di porre la sua larva in acqua. È ovoviparous. Gli stagni sono ambienti fragili, si prega di rispettare la tranquillità dei loro abitanti.

Al centro del bacino di Parigi : è emerso un interesse genuino per quella che oggi chiamiamo la geologia nel XVIII secolo. Stratigrafia, la scienza che si propone di descrivere gli strati geologici, è nato nel bacino di Parigi con l'opera di Georges Cuvier e Alexandre Brongniart. Jean - Etienne Guettard, medico e botanico per il duca d'Orléans (1715-1780), fu il primo a identificare il Puys d'Auvergne da vulcani spenti e il pioniere della mappatura mineralogica. La prima mappa geologica conosciuta è la sua mappa mineralogica, che mostra la natura e l'ubicazione dei terreni che attraversano la Francia e l'Inghilterra. Nel 1758, si presenta davanti alla Reale Accademia delle Scienze un libro di memorie sulla macina sulla base delle sue osservazioni nelle cave di Houlbec ( Eure ) e La Ferté-sous-Jouarre (Seine - et - Marne ). Si prevede il ruolo potenziale delle acque piovane atmosferici nella formazione di depositi palmento. Nel 1811, la pubblicazione di Georges Cuvier e Alexandre Brongniart del loro libro di memorie " Saggio sulla geografia mineralogica intorno a Parigi ", che elenca dieci tipi di " terreno ", rappresentate in una mappa geognostiche. Con le sue gamme di colori che mostra l'affioramento dei diversi motivi, è il prototipo di carte geologiche moderni. Brongniart visita le cave di La Ferté-sous-Jouarre e dà una descrizione notevole. Il bacino di Parigi è uno dei più grandi bacini sedimentari in Europa. In questa vasta conca circondata da massicci cristallini, intrusioni di acqua di mare ed episodi continentali sono riusciti a vicenda per 220 milioni di anni. La valle della Marna interseca una sovrapposizione di strati immutabile che illustrano il Terziario. 45 milioni anni fa, la regione fu occupata dal mare. Il clima è caldo. Calcari grossolani modulo in fondo di un mare calmo. Poi il deposito di marna annuncia un trend di contenimento e dei paesaggi costieri associati. 42 milioni anni fa, dopo una breve di emersione, il Mar Auversian lascia dietro di sabbie e arenarie. Alternando fasi di emersione e minori recidive marini hanno luogo in cui il dominio marino viene progressivamente isolato. Una serie di calcari e marne lacustri - lagunare si stabilisce. Durante l' Eocene superiore, un brevissimo trasgressione marina è presto seguito dalla creazione di un ambiente salmastro dove le condizioni evaporitici promuovono la formazione di gesso. 34 milioni anni fa, durante l' Oligocene, il bacino poco profondo vede un nuovo episodio marino - lagunare e la deposizione di sedimenti argillosi. Poi arriva di nuovo un regime lacustre in cui il deposito delle forme calcaree Brie. Una trasgressione marina finale e significativo, il Mar Stampian, si conclude questa lunga serie sedimentaria con la deposizione di sabbie Fontainebleau. Per 25 milioni di anni, la regione è stata continentale. L'erosione provoca la rimozione di sabbie Stampian e la compensazione degli altipiani Brie e Multien. Il panorama attuale sta emergendo.

La macina : La macina è una roccia silicea a grana fine, cellulare e cavernoso. Non forma un letto continuo e appare solo in blocchi sparsi all'interno di una formazione sabbioso- argilloso chiamato Millstone argilla. Questa è una formazione geologica superficie collegata a un fenomeno calcare atmosferici. Il processo che ha portato alla sua formazione si chiama " meulerization ". Nei primi anni del XIX secolo, la macina è un importante argomento di dibattito all'interno del nuovo marchio Geological Society francese. I più grandi pensatori di geologia emergenti, Cuvier, Brongniart, Prévot, Dufrenoy e d' Orbigny descrivono i suoi depositi e cercare di capire il meccanismo di genesi : Sorgenti calde ispirate ai geyser dell'Islanda, " infiltrazioni di silice nel fondo del mare ", residuo di un calcare siliceo... sono tutte le soluzioni che si oppongono al " atmosferici " ipotesi suggerita da Guettard e ripreso da Dolfus nel 1885 : " le acque atmosferiche infiltrazioni nel calcare Brie si dissolvono lentamente, poi migrare e depositare la silice sono caricati con in le parti inferiori. " Sulla base di tale principio, Gosselet ha introdotto il termine " meulerization " nel 1896 Nel XX secolo, geomorfologo Cholley soci meulerization alle condizioni paleoclimatiche tropicali ( 1938). Depositi Millstone sarebbero sparpagliati in superfici di erosione antichi. L' ultimo quarto del XX secolo è segnata dal ruolo fondamentale dei geologi Grisoni e Menillet. Nel 1988, quest'ultimo interpreta depositi macina come prodotti di desilicification e silicizzazione nei suoi carsico e determina con precisione l'età e le condizioni del loro stabilimento.

Un'alchimia di tempo : Millstone argilla può essere trovata solo come copertura degli altipiani senza mai correre in profondità in strati sedimentari. Si è osservato sulla superficie degli altipiani Brie, Beauce o Hurepoix in connessione con Brie o Beauce calcari. 35 milioni anni fa : Le forme Brie calcare attraverso sedimentazione nelle lagune e laghi. 30 milioni anni fa : Il Mare Stampian inonda l'intera regione e depositi di uno spesso strato di sabbia silicea. 27 milioni anni fa : Il Mare Stampian ritira dal Bacino di Parigi per il bene, lasciando dietro di sé diverse decine di metri di sabbia che coprono il calcare. La regione è diventata continentale ed è sottoposto a erosione per 20 milioni di anni le sabbie sono alterate dalla pioggia e rimossi dal vento, rivelando affioramenti calcarei in posti. 2000 mila anni fa : La superficie calcarea è quasi completamente messo a nudo e un plateau emerge, dove i depositi eolici limo argillosi. Il calcare è a sua volta sottoposto ad erosione, depressioni formano sulla sua superficie, prima occupata da un residuo di riempimento argilla sabbiosa. L'acqua piovana penetra in questi bacini, argilla sabbiosa è colato, granelli di sabbia subiscono dissoluzione. Di silice libera ( SiO2 ) viene trasportato da acqua e diventerà fissa ulteriormente nei vuoti del calcare, masse di rocce silicee formano. Questi sono i depositi palmento.

Cave di La Barre : Dal momento che il Antichità, arenarie e calcari silicei sono stati utilizzati in Brie per modellare macine. Fu in La Ferté-sous-Jouarre che una varietà dura e alveolare di pietra è stato notato, che è adatto per la loro realizzazione. Nel XVI secolo, cave chiamati " Meulières " o " molières " si moltiplicano lì, insieme a laboratori macina caffè. La collina di Tarterel, sulla riva sinistra del fiume Marna, è uno dei più grandi centri macina nella La Ferté-sous-Jouarre. Mentre sulla riva destra, le cave di giustizia e Bois de la Barre forniti vari tipi di pietra. A livello chiamato " bastardo arenaria " di scarso interesse copriva una pietra blu - venato duro, più favorevole alla realizzazione di macine. Nei primi anni del XIX secolo, l'attività macina a La Ferté sta diventando industrializzata e le cave di Bois de la Barre si stanno espandendo. La realizzazione di macine da un unico blocco, denominato " monolite ", è abbandonato e si gira verso la produzione dei cosiddetti palmenti " inglese". Questa innovazione introduce un metodo per l'assemblaggio di più pezzi : le piastrelle, disposte intorno a un pezzo centrale : il cuscinetto di guida. Nel 1837, le società Gaillard, Petit & Halbou, Vieille - Gatelier fondarono la Société du Bois de la Barre.

Da macine a casa di periferia : Nel 1881, la creazione della Société Générale Meulière ai piedi della collina di La Barre. Le sue grandi laboratori sono situati vicino alle cave, tra la ferrovia e il fiume Marna, e un porto e una stazione ferroviaria sono collegato ad esso. Intorno al 1900, il commercio macina è in declino. Le cave di La Barre passano attraverso uno finali riconversione grazie all'estrazione di pietra destinati per l'edilizia. Questo è il tempo per la crescita delle periferie di Parigi e le loro case " macina ". Ma un altro utilizzo è meno visibile : I lavori della nuova metropolitana di Parigi ! Macina macerie vengono convogliati dalle cave alla riva del fiume Marna, grazie ad un vettore aereo ingegnoso, molto simile a una funivia. Da lì, chiatte trasportano la pietra verso la capitale.

L'industria macina di La Ferté : Dopo la rivoluzione francese del 1789, la legislazione egualitaria incoraggia artigiani di creare società. Molti produttori di macina si riuniscono per sfruttare le cave. Nel 1853, vi erano 23 aziende che impiegano 1.381 lavoratori in La Ferté-sous-Jouarre. Solo Gueuvin - Bouchon, il più grande di loro, impiega tra i 500 ei 600 lavoratori. La produzione annua ha raggiunto 1000-1200 macine in pietra e da 80 a 100.000 tessere. Nel frattempo, l'azienda Roger produce 600 macine per anno, grazie al lavoro di più di 300 lavoratori. Le macine della La Ferté-sous-Jouarre beneficiano di una buona reputazione. Essi vengono esportati in tutta Europa, ma anche in America, Australia... Intorno al 1860, appaiono grandi mulini industriali. Molto moderno, usano più le antiche macine, ma un nuovo sistema di fresatura dotata di un cilindro di porcellana. Colpito duramente dalla concorrenza, molti piccoli mulini vicino. Il commercio macina crolla lentamente ma inesorabilmente. Nel 1880, un'ondata di panico spazzato tutto La Ferté-sous-Jouarre : è la fine dei ricavi di posizione per gli industriali di La Ferté. Nel 1881, per uscire dalla crisi nasce la Société Générale Meulière. E 'formata dalla fusione di nove società, il più grande dei quali sono Roger & Fils e la Société du Bois de la Barre. Nel 1910, un lungo sciopero, presto seguita dalla " Grande Guerra", mina questo pilastro dell'industria del palmento. Dopo la liberazione, in un contesto di aspra concorrenza, la SGM cerca di modernizzare la propria attività; produce sofisticate apparecchiature per i settori dell'agricoltura e fresatura. Nonostante questi sforzi, ma non recupera dalla seconda guerra mondiale.

Nel paese di " mani blu " : Quando si lavora la pietra, scaglie di selce o pigette ( piccone del lavoratore cava ) schegge metalliche si sarebbero depositare sotto la pelle, che potrebbe poi girare un colore blu, da qui il soprannome di " uomini con le mani blu e facce. " Il pulviscolo prodotto dal taglio di "mattonelle" entra nei polmoni dei produttori di palmento. Tubercolosi e silicosi portare ad un alto tasso di mortalità. I workshop sono installati sotto tettoie ben ventilate, nel tentativo di preservare i lavoratori. La SGM, pur mantenendo la produzione di macine tradizionali, cerca di adattarsi alle esigenze del nuovo macinazione. I suoi laboratori di fabbricazione mulini a rulli, vagli, detergenti... E tuttavia, le industrie di La Ferté mai cessato di promuovere la macina. La SGM e la società Gueuvin - Bouchon - Dupety - Orsel ricerca di nuovi giacimenti : Operano in cave e le filiali aperte in Épernon ( Eure ).

Alla scoperta del Bois de la Barre : Il fiume Marna tagliare attraverso l'altopiano Brie sedimentaria, rivelando così una serie di formazioni geologiche ai piedi della valle. Uno di loro, l'argilla macina, copre gli altipiani e pendii. La macina è stata sfruttata fin dall'antichità, da artigiani, poi industrialmente, e raggiunto il suo picco di attività nel XIX secolo. Questo sfruttamento è stata la ricchezza di La Ferté-sous-Jouarre, grazie alla qualità delle sue pietre, in particolare quelli destinati alla fabbricazione di macine. Dopo lo sfruttamento chiuso, la natura recuperato i suoi diritti. E ' in questo ambiente che il Conseil Général de Seine - et - Marne vi invita a scoprire i resti del patrimonio industriale di La Ferté attraverso un percorso didattico.

A continuare la navigazione su questo sito, si accetta l'uso di cookies per fornire offerte adatte.
Per saperne di più e configurare