La salute in vacanza

Turismo, Vacanze & Viaggio in Francia

Turismo > Schede pratiche > La salute in vacanza
La salute in vacanza

La salute, nessuno potrà dire altrimenti, è importante. Sebbene la Francia non sia un paese a rischio, in confronto ad alcune aree remote, è comunque buona regola attenersi a una serie di precauzioni perché la salute non se ne vada proprio mentre si è in vacanza.

PRIMA DI PARTIRE

  • Preparare un piccolo kit di pronto soccorso con alcuni farmaci e accessori di base (paracetamolo, antisettico, bende, ecc.), che eviteranno disagi in caso di necessità. Nel dubbio, ci si può rivolgere al medico per farsi prescrivere il necessario e farsi dare consigli in base all’età, alla destinazione e alle attività che verranno svolte.
  • Verificare il periodo di validità dei vaccini già effettuati e fare i richiami necessari per tempo, se necessario.
  • Chi soffre di problemi cardiaci dovrebbe consultare uno specialista prima della partenza, se intende raggiungere mete in alta quota o fortemente esposte al calore o, ancora, se prevede di fare attività che comportino sforzi fisici.

SOTTO IL SOLE

  • Evitare l’esposizione tra le 12 e le 16, il momento della giornata in cui l’indice UV è più alto. Il vento che raffredda la pelle, i bagni rinfrescanti e il cielo coperto danno un falso senso di sicurezza. I raggi UV sono sempre presenti (uno strato di nuvole lascia passare oltre il 90% dei raggi UV).
  • Proteggere con cura la pelle con una crema solare con indice di protezione sufficiente, che andrà applicata frequentemente (ogni 2 ore e dopo il bagno), soprattutto sulle aree sensibili o più esposte ai raggi UV: il naso, il labbro inferiore, le orecchie, la parte superiore della schiena, le spalle, il petto.
  • Proteggere gli occhi con un buon paio di occhiali da sole avvolgenti, perché i raggi UV possono provocare ustioni oculari, anche senza abbagliare.
  • Indossare cappello e t-shirt durante gli spostamenti sotto il sole.
  • Sotto il sole, i bambini sono più vulnerabili degli adulti. In particolare, i bambini sotto l’anno di età non devono mai essere lasciati alla luce diretta del sole e devono rimanere coperti, anche all’ombra.
  • In montagna, l’altitudine e la neve aumentano notevolmente la quantità di raggi UV ricevuta dalla pelle e dagli occhi. Occorre proteggersi di più.
  • Certi farmaci, profumi o deodoranti possono provocare allergie e gravi ustioni al sole. In questo caso, non esporsi al sole o chiedere consiglio al proprio medico.
  • Tenere a portata di mano dell’acqua da bere regolarmente per evitare la disidratazione. È necessario bere prima di sentire sete.
  • Non addormentarsi al sole.
  • Non fare esercizi fisici intensi quando fa troppo caldo per evitare colpi di calore (cefalea, crampi muscolari e perdita di coscienza).
  • In caso di scottature ripetute, consultare un dermatologo al ritorno dalle vacanze.

IN PISCINA

  • Camminare con prudenza e senza correre intorno alla piscina per evitare di cadere sul pavimento scivoloso.
  • Evitare di entrare in acqua di testa, perché questo comportamento potrebbe causare uno shock termico. I rischi sono ancora più elevati dopo una prolungata esposizione al sole o dopo i pasti. Entrare in acqua gradualmente.
  • Spiegare ai bambini i rischi associati all’acqua e le regole da seguire, in particolare il divieto di nuotare in assenza di adulti.
  • Dotare i bambini più piccoli di braccioli gonfiabili.
  • Tenere vicino alla piscina un’asta e un telefono cellulare.
  • Dopo le ore trascorse intorno alla piscina, rimuovere dall’acqua tutti i giocattoli galleggianti che potrebbero attirare i bambini.

DURANTE LE ESCURSIONI

  • Organizzare il proprio itinerario e gli orari di partenza in modo da poter tornare ben prima del buio.
  • Verificare le condizioni meteorologiche prima della partenza.
  • Portarsi nello zaino un piccolo kit di pronto soccorso, un telefono cellulare, acqua in abbondanza, protezioni contro il freddo, il vento e la pioggia.
  • Camminare con il proprio ritmo, facendo attenzione in prossimità di scogliere o pendii ripidi.
  • Spogliarsi non appena si sente caldo e rivestirsi durante le soste.
  • Evitare di fare il bagno in acque sconosciute, soprattutto quando l’acqua è torbida, ha un colore insolito o è maleodorante.

IN PRESENZA DI ANIMALI

  • Zanzare, api, vespe e altri insetti possono provocare punture dolorose. Utilizzare una lozione repellente e vestirsi in modo appropriato (maniche lunghe e tessuti sufficientemente spessi nelle aree predilette dagli insetti). In caso di puntura, rimuovere il pungiglione eventualmente rimasto nella pelle con una pinzetta per le sopracciglia. Disinfettare e lenire il dolore con acqua fresca e una crema anti-infiammatoria.
  • La zecca è un vettore di malattie che possono essere molto gravi. Nelle zone a rischio (aree boschive, erba alta, zone umide), tra aprile e novembre, si raccomanda di indossare vestiti di colore chiaro che coprano tutto il corpo e di utilizzare un repellente che contenga DEET. Per rimuovere una zecca, non applicare etere, ma utilizzare una pinzetta sottile o una pinza apposita (disponibile in farmacia), avendo cura di staccare il parassita senza lasciarne la testa.
  • Le vipere attaccano solo per difendersi in caso di sorpresa o di minaccia. Nelle zone a rischio, si consiglia di indossare scarpe alte, di camminare facendo rumore, di evitare le rocce riscaldate dal sole e di fare sempre attenzione quando si raccoglie qualcosa. In caso di morso, la suzione della ferita è inefficace, mentre l’incisione con un coltello o l’utilizzo di un laccio emostatico sono pericolosi. È meglio calmare il ferito, farlo sdraiare sulla schiena, fasciare strettamente il morso fino alla radice dell’arto e attendere i soccorsi.
  • Le oche possono dare beccate o colpi di collo violenti, provocando ematomi. Quindi, è meglio tenersi a debita distanza da questi animali durante le passeggiate.
  • Cani e gatti possono mordere o graffiare se li si accarezza senza conoscerli. Non sottovalutare i morsi, perché le ferite possono essere profonde e la saliva può provocare infezioni. I graffi di gatto possono causare, nei giorni successivi, stati di affaticamento accompagnati da gonfiori delle linfoghiandole. Quindi, in caso di ferita provocata da un cane o da un gatto, è consigliabile rivolgersi a un medico per curare la ferita e farsi prescrivere un antibiotico.
  • I morsi di volpe possono trasmettere la rabbia Non avvicinarsi mai a questi animali, anche se sembrano innocui.
  • I grandi animali selvatici attaccano solo se presi di sorpresa, se si sentono minacciati o se ci si avvicina ai loro piccoli. I loro colpi, morsi e graffi possono causare lesioni gravi. In caso di incontri inattesi, è meglio fermarsi e non muoversi finché l’animale non se ne sarà andato.
  • In mare, alcuni animali acquatici come i ricci di mare, le tracine o le razze, possono pungere i bagnanti sulla pianta del piede. Meglio portare sandali con una buona suola. In caso di puntura, rimuovere il pungiglione o gli aculei eventualmente rimasti conficcati nella pelle, lavare abbondantemente con acqua di mare e rivolgersi a un medico.
  • Meduse e anemoni di mare possono provocare ustioni. In caso di contatto, applicare aceto o succo di limone sulle lesioni, poi un gel anestetico.

Hotel Mont Vallon
Ubicato nel cuore del comprensorio sciistico delle Trois Vallées, a 5 km dal centro di Méribel, quest'hotel offre numerosi servizi gratuiti, tra cui la...
Francia
Per il tempo libero in Francia
Centinaia di attività insolite in Francia
Vivi il tuo tempo libero
Migliaia di attività originali fra cui scegliere
Prezzi di biglietti aerei
Cerca il tuo biglietto e confronta
Hotel Francia bas prix
Prenota il tuo hotel in Francia low cost! Confronta le offerte