Dai vita alla tua vacanza!

Sainte-Enimie

Guida turismo, vacanze e weekend nella Lozère

Sainte-Enimie - Guida turismo, vacanze e weekend nella Lozère
9.3
10

Immerso nel cuore delle impressionanti gole del Tarn, lo splendido borgo di Sainte-Enimie, che figura nell'elenco del più belli di tutta la Francia, è un vero e proprio invito a fare una passeggiata rilassante. Le suggestive stradine lastricate, su cui si affacciano dimore in pietra calcarea, intervallate da numerosi passaggi a volta, la chiesa romanica di Notre-Dame-du-Gourg, la fonte di Burle, le cui miracolose virtù avrebbero guarito, nel VI secolo, la principessa merovingia Enimie, e l'antico monastero benedettino, di cui rimangono la cappella e la sala capitolare, fanno di questa località una meta che gli amanti dell'architettura antica non mancheranno di apprezzare.

Il borgo di Sainte-Enimie, abbarbicato sulle colline di un meandro del Tarn, costituisce un ottimo punto di partenza per compiere la discesa delle gole del Tarn in canoa o kayak o per fare escursioni a piedi nella natura circostante, in particolare lungo il ripido sentiero che conduce alla grotta dell'eremo, nel quale santa Enimie si ritirò prima di morire.

Per quanto riguarda il calendario degli eventi cittadini, ricordiamo che nel mese di luglio si svolge il festival del fumetto medievale con mostre, presentazioni, workshop, concorsi e spettacoli vari.

Informazioni complementari
Sainte-Enimie

Classificato tra i più bei villaggi di Francia, Sainte-Enimie è in Occitano, nel cuore della Lozère. Si svolge nelle gole del Tarn, il centro del turismo verde, una trentina di chilometri di Mende Barjac.

In medievale, Sainte-Enimie la città prende il nome da una principessa merovingia VII secolo, santificato da tempo di essere stato miracolosamente guarito dalla lebbra. Abitata fin dal Neolitico, il territorio del paese è stata sviluppata principalmente nella metà del X secolo, con la creazione di un monastero benedettino. Rinomato Puy-Roc durante la rivoluzione francese, si voltò lentamente verso la pastorizia, soprattutto dopo la distruzione dei vigneti nel primo Novecento.

Composto da diversi villaggi, Boisset, Castelbouc, Champerboux, Hauterives, Prades, Pougnadoires e Saint-Chely-du-Tarn, oggi la città di Sainte-Enimie è popolare con i turisti per il suo patrimonio architettonico, oltre che per i suoi paesaggi eccezionali costruita nel cuore del Parco nazionale delle Cévennes.

Da vedere, da fare

Situato sulle pendici di un canyon, il villaggio di Sainte-Enimie può ammirare un importante architettura medievale, come i suoi palazzi di pietra calcarea.

Costruito nel XIV secolo, la Chiesa della Madonna di Gourg questa ceramica particolare raffigurante la vita di San Enimie, alto carattere della città. All'interno dell'edificio, si possono ammirare le statue di legno e pietra risalente al XII e il XV secolo. Monumenti storici della città, si rivela un interessante stile romanico.

Della vecchia abbazia, monastero benedettino fortificato, rimane oggi solo tre camere: l'ingresso, la cripta e la sala capitolare. Fondata nel VI secolo, è stato classificato come monumento storico.

Tipo Vauclusien, la fonte di Burle sarebbe, secondo la leggenda, il luogo dove San Enimie sarebbe immergersi per curare la lebbra. Nel villaggio, si può anche ammirare numerose croci e una cappella. Questa grotta è stata costruita nel corso dei secoli in una cappella, un luogo di molti pellegrinaggi.

Castello di Prades è una proprietà privata monumenti storici della città. Situato sopra le gole del Tarn e ex proprietà dei priori Sainte-Enimie, fu costruito tra il XII e il XIII secolo.

Sulla riva sinistra del Tarn, si possono scoprire le rovine del vecchio castello di Castelbouc. Distrutto durante il XVI secolo, sarebbe, secondo la leggenda, ospitato un nobile che soddisfano tutte le donne del villaggio, mentre gli uomini erano via su crociata. È morto di stanchezza, e il fantasma a forma di capra avrebbe dato il nome al luogo.

È inoltre possibile ammirare le numerose abitazioni rupestri e altre grotte che occupano il paese di Pougnadoires. Un Utopix, verrà sedotto da un hosting magica sito come una casa-scultura a forma di igloo, così come i giochi, sculture e mostre interne ed esterne.

Integrato nel Parco Nazionale delle Cévennes, la città di Sainte-Enimie può apprezzare la fauna e la flora locale durante un paio di sentieri segnati. Il luogo ha infatti sette siti classificati area naturale di interesse ecologico, flora e fauna: Causse de Sauveterre, Causse Mejean, le gole del Tarn ideali per i principianti a sport acquatici come il kayak, superiore Gorge Tarn, gole del Tarn Rozier superiore a Montbrun, o la pianura Chanet. Si noti che le gole del Tarn sono classificati anche Natura 2000 e rappresentano quindi un sito protetto e monitorato.

La città è perfetta per praticare numerosi sport all'aria aperta come il parapendio, via ferrata, arrampicata, equitazione e volo a vela.

Luoghi di interesse

Monumenti
Punti informativi

Eventi e festività

In estate Sainte-Enimie ospita un mercato notturno artigianale il Giovedi sera.

Un Fumetto Festival si svolge nel mese di giugno con dediche e incontri.

Nel mese di maggio, il villaggio offre la sua scia di pecore con un percorso 12 km attraverso il Causse de Sauveterre, così come le escursioni.

Nel mese di ottobre, 6, Sainte-Enimie festeggia il suo patrono con una festa locale e un pellegrinaggio di monitoraggio regionale.

Foto

Villaggio Sainte-Enimie
Villaggio Sainte-Enimie
Vedi la foto
Vista dall'alto
Vista dall'alto
Vedi la foto
Lane, fiori
Lane, fiori
Vedi la foto
Fonte Burle
Fonte Burle
Vedi la foto
Presentazione
Presentazione
Vedi la foto
Chiesa
Chiesa
Vedi la foto
Passerella
Passerella
Vedi la foto
Old House
Old House
Vedi la foto
Nice Place
Nice Place
Vedi la foto
Lane
Lane
Vedi la foto
Molto bella meridiana
Molto bella meridiana
Vedi la foto
Ponte sul fiume Tarn
Ponte sul fiume Tarn
Vedi la foto
corsia Sainte-Enimie
corsia Sainte-Enimie
Vedi la foto
Gorges du Tarn Sainte-Enimie
Gorges du Tarn Sainte-Enimie
Vedi la foto
Stretta strada asfaltata
Stretta strada asfaltata
Vedi la foto
Nel paese
Nel paese
Vedi la foto
in paese
in paese
Vedi la foto
in paese
in paese
Vedi la foto
in paese
in paese
Vedi la foto
in paese
in paese
Vedi la foto
in paese
in paese
Vedi la foto
in paese
in paese
Vedi la foto
vicolo Village
vicolo Village
Vedi la foto
Facciata Abbastanza
Facciata Abbastanza
Vedi la foto
Presse
Presse
Vedi la foto
pietre pretty
pietre pretty
Vedi la foto
Vista dall'alto
Vista dall'alto
Vedi la foto
vicolo Village
vicolo Village
Vedi la foto
Flowery facciata
Flowery facciata
Vedi la foto
Sainte-Enimie alla croce di Saint-Jean (Jean © Espirat)
Sainte-Enimie alla croce di Saint-Jean (Jean © Espirat)
Vedi la foto
Il sole sorge sopra il villaggio (© Jean Espirat)
Il sole sorge sopra il villaggio (© Jean Espirat)
Vedi la foto
Uno degli ingressi del villaggio (© Jean Espirat)
Uno degli ingressi del villaggio (© Jean Espirat)
Vedi la foto
A Lane (© Jean Espirat)
A Lane (© Jean Espirat)
Vedi la foto
A Lane (© Jean Espirat)
A Lane (© Jean Espirat)
Vedi la foto
Alley al crepuscolo (© Jean Espirat)
Alley al crepuscolo (© Jean Espirat)
Vedi la foto
Altro vicolo di notte (© Jean Espirat)
Altro vicolo di notte (© Jean Espirat)
Vedi la foto

Visite, svaghi e attività nei dintorni

Ristoranti

Bed & breakfast

Affitti vacanze

Campeggi

Hotel

Le tue vacanze
Un hotel
Un affitto vacanze
Un bed & breakfast
Un campeggio
Un'attività di svago
Un ristorante
A continuare la navigazione su questo sito, si accetta l'uso di cookies per fornire offerte adatte. Per saperne di più